Le caratteristiche del suono

Per poter elaborare il suono all’interno di un sistema di produzione è necessario poter intervenire nei parametri che lo caratterizzano. Il fenomeno oscillatorio sonoro può essere controllato, editato, processato agendo sulle sue caratteristiche che sono:

  1. Intensità, descrive quanta energia porta il segnale sonoro ed è rappresentata dall’ampiezza di oscillazione dell’onda sonora. Anche se dipende dal valore della pressione per misurarla si utilizza la scala logaritmica dei decibel. Musicalmente viene associata alla dinamica.
  2. Altezza, determina se il suono sia acuto o grave ed è indice della velocità di oscillazione dell’onda sonora. Viene rappresentata dalla frequenza (misurata in Hz ovvero in cicli di oscillazione al secondo) mentre musicalmente stabilisce le varie note musicali.
  3. Timbro, è quella caratteristica che ci permette di distinguere il suono di una sorgente sonora dalle altre. E’ rappresentato dalla forma dell’onda e dipende da quante componenti sinusoidali è formato. Può essere visualizzato nel dominio del tempo (tramite un oscilloscopio) o in quello della frequenza (tramite un analizzatore di spettro).

Tutti i settori tecnologici musicali (il sound designing, sound engineering, la pre e post produzione, la musica elettronica e così via) manipolano informazioni sonore intervenendo sulle loro frequenze, il livello sonoro, il contenuto spettrale, tramite processori di effetti, equalizzatori, mixer. Questo fa capire quanto sia importante lo studio e la conoscenza della scienza del suono. E’ un percorso che un tecnico affronta per tutta la vita cercando quell’unità che gli consentirà di produrre il massimo con il minimo sforzo. La cosa divertente è che man mano che passa il tempo, anche dopo venti e più anni di mestiere vorresti trovare sempre più tempo per poter studiare la fisica del suono, per cui….chi ben comincia…non è per nulla a metà dell’opera ma ha buone probabilità di ottenere ottimi risultati nelle decadi successive. Spaventati? Per un solo attimo provate a pensare a quali meraviglie incontrerete lungo questo cammino….neanche Dante sarebbe stato capace di descriverlo come in quella sua famosa Comedia.

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Scienza del Suono e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le caratteristiche del suono

  1. Michele Galvagno ha detto:

    Questo articolo mi riporta agli anni del Conservatorio a Cuneo e alle nostre facce stranite al corso di Acustica e Psicoacustica (forse conosci il professore, Benjamin Thigpen, genio!) alla domanda:
    “Quali sono le componenti del suono?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...