Lezioni di Cubase 6.5 – 20 (Editing audio 2)

Annullata la registrazione e riposizionato il file, per riannullare il posizionamento si può scegliere Edit/Redo (ultima operazione effettuata in undo) oppure utilizzare le scorciatoie da tastiera [shift]+[ctrl]+[Z] (pc), [shift]+[cmd]+[Z] (apple). E’ possibile annullare o ripristinare un gran numero di operazioni utilizzando la finestra Undo History selezionabile da Edit/History… Tutte le operazioni sono elencate in una lista al cui interno le operazioni sono numerato dall’alto verso il basso (le più recenti sono quelle che occupano le posizioni più basse).

290 lez 8

Nella colonna Action è indicata l’operazione effettuata; ad esempio Drop into project si riferisce all’operazione di ripristino dell’evento audio nella finestra project effettuata tramite trascinamento dalla finestra pool. La colonna Time mostra l’orario in cui è stata effettuata l’operazione (non conta il giorno in quanto il conenuto della finestra history rimane attivo fintanto che il progetto rimane in lavorazione attiva; chiudendolo la finestra perde tutto il contenuto). Se volessimo ripristinare il progetto al momento in cui abbiamo effettuato la cancellazione dell’evento (operazione 6) occorre selezionare tale riga con il mouse. La riga arancione, che indica il confine tra le operazioni annullate e l’ultima risultante valida, si sposta nella lista.

291 lez 8

Chiudendo la finestra le azioni selezionate vengono annullate e il progetto viene aggiornato. In ogni caso sarà sempre possibile ripristinare le operazioni annullate.

Esiste un’utile funzione, chiamata Pre-Record, per poter registrare materiale audio suonato prima di avviare la registrazione stessa. Supponiamo che, provando una frase musicale prima di registrarla ci si renda conto che è stata suonata talmente bene da farci pentire di non aver attivato la registrazione. Esiste una funzione (che ovviamente deve essere attivata prima) grazie alla quale si può registrare fino a 10 minuti di audio in un buffer di memoria speciale senza aver avviato la registrazione nelle modalità fin qui viste. Per poter utilizzare questa funzione occorre abilitare la traccia audio alla registrazione (attivando il relativo pulsante nell’Inspector o nella Track List in modo da indicare al programma qual’è la traccia che dovrà ospitare l’audio suonato prima di registrare. Per utilizzare la funzione occorre andare nella sezione Record delle Preferences e impostare un valore nel riquadro Audio Pre-Record Seconds che rappresenta il numero di secondi di audio che può contenere il buffer speciale di memoria.

292 lez 8

Scegliendo ad esempio un valore pari a 15 secondi, attivando la registrazione sulla traccia e collocando il cursore progetto ad esempio alla posizione 20 secondi, suonando qualche nota prima di registrare avviamo poi la registrazione normalmente il tempo giusto per registrare una frase.

293 lez 8294 lez 8

Nel punto in cui è stata avviata la registrazione è comparso un evento audio. Cliccate sul suo angolo in basso a sinistra (il puntatore del mouse cambia forma in una doppia freccia orizzontale) e tenendo premuto il mouse trascinate il tutto verso sinistra fino a quando l’evento mostrerà i 15 secondi di pre-registrazione (nell’esempio mostrato nella figura seguente i 15 secondi vanno dal secondo 5 al secondo 20). I 15 secondi di audio sono posizionati alla sinistra di una piccola barra verticale (posizionata nel nostro caso al secondo 20) che indica il punto di inizio della registrazione effettiva.

295 lez 8

Ricordiamoci che fintanto rimane attiva l’impostazione di 15 secondi nel buffer pre-record tutti i futuri eventi audio registrati avranno in testa 15 secondi di pre-registrazione pertanto se non necessario si consiglia di rimettere il valore a zero dopo aver utilizzato la funzione per il tempo occorrente. Come vedremo in un’altra lezione l’operazione di allargamento del file audio effettuata è chiamata triggering.

Nei normali casi di funzionamento dei software, quando avviene un crash di sistema, le informazioni contenute  nel software in funzionamento e non ancora salvate vengono perse. In realtà Cubase renderà sempre disponibili gli eventi audio registrati fino al crash di sistema anche se il progetto non era stato salvato di recente. In caso di crash dovrete riavviare il computer, riaprire Cubase e importare l’audio registrato recuperandolo dall’apposito file creato nella cartella Audio della cartella progetto.

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Audio processing & editing, Corsi, Software, Tecniche di HD recording & Sequencing e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...