il formato AIFF dei file audio

AIFF (Audio Interchange File Format), con estensione .aif, è stato introdotto nel 1988 ed è il formato nativo della Apple. Si basa sullo standard EA IFF 85. (maggior informazioni su questo standard al seguente LINK). Utilizza quindi il metoto Electronics Arts Interchange File Format che memorizza i dati in chunk. Tutti i form AIFF devono avere almeno due chunk: il Common e il Sound Data. Possono essere presenti altri chunk opzionali.

Schermata 2013-04-09 a 11.34.38Schermata 2013-04-09 a 11.35.49Schermata 2013-04-09 a 11.36.21

Schermata 2013-04-09 a 11.37.16

L’AIFF utilizza i concetti di sample pointsample frame.

Il Sample Point è un valore in complemento a 2 che rappresenta un campione in un preciso istante temporale. Può essere di lunghezza 1 – 32 bit (specificato nel campo SampleSize all’interno del Common Chunk).

Per quanto riguarda il Sample Frame, quando siamo in presenza di file multicanale i singoli sample point di ogni canale vengono uniti insieme e pertanto un sample frame contiene i sample point che debbono essere suonati insieme.

Schermata 2013-04-09 a 11.41.17

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Scienza del Suono e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a il formato AIFF dei file audio

  1. Pingback: Fare Sound Designing con DSP-Quattro: 2 (aprire un file audio in un Editor, struttura dell’Editor) | tecnologiamusicale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...