Lezioni di Cubase – 34 (editing audio 16)

I marker (parte due)

La posizione di un marker dipende anche dal timebase scelto come riferimento. Cubase può vincolare gli eventi nella posizione del tempo musicale oppure di quello temporale. La differenza è importante. La scelta del tipo di timebase si effettua dalla traccia oppure (per alcune tipologie di tracce, non quella marker) dall’Inspector. Se la scelta è per un timebase di tipo musicale il pulsante sulla traccia rappresenterà una piccola nota su un fondo giallo.

498 lez 11

Quando il timebase è associato alla posizione musicale, cambiando la velocità del metronomo il marker resterà sempre legato alla posizione della misura. Avendo ad esempio spostato l’ultimo marker aggiunto alla posizione 4.1.1.0 se dovessimo modificare la velocità del metronomo comunque il marker resterà sempre ancorato alla medesima posizione musicale. Nelle due figure seguenti possiamo vedere il marker 4 legato alla posizione 4.1.1.0 che alla velocità di metronomo pari 120 sui quarti è collocato anche al tempo di 6 secondi mentre diminuendo la velocità al valore 100 risulterà ancora posizionato sulla misura 4.1.1.0 ma al tempo 7.2 secondi.

499a lez 11499b lez 11

Se si vuole cambiare il timebase cliccando sul pulsantino la sua icona cambia dalla nota musicale all’orologio.

500 lez 11

Se ora modifichiamo la velocità di metronomo i marker mantengono la loro posizione temporale modificando quella musicale come possiamo vedere nell’immagine seguente dove possiamo verificare che il marker mantiene il tempo lineare (7.2 secondi) ma sposta quello musicale (da 4.1.1.0 a 4.3.2.72).

501 lez 11

Quando si realizzano progetti che hanno anche file video è molto importante accertarsi che i marker abbiano timebase di tipo lineare poichè segneranno posizioni di timecode. Vedremo un approfondimento della questione nel volume dedicato alla post produzione A/V.

I marker possono essere anche di tipo cycle e per realizzarli occorre posizionare prima di tutto i locatori L, R per individuare il loop. Ad esempio inseriamo l’evento Arab Loop B tra i due locatori: si seleziona l’evento e si preme [P].

502 lez 11

Per aggiungere il cycle marker cliccare sul pulsante appropriato nella traccia marker.

503 lez 11

Nella finestra eventi viene inserito il cycle marker della lunghezza pari all’intervallo di tempo definito tra i locatori L, R.

504 lez 11

La infoline del cycle marker rispetto a quello normale presenta due campi in più ovvero quello di  fine loop e di lunghezza complessiva (dato molto utile come vedremo per la scrittura della musica da film).

505 lez 11

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Audio processing & editing, Corsi, Software, Tecniche di HD recording & Sequencing e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...