Storia del Sequencer (terza parte: Tra gli anni ’50 e gli anni ’60, RCA e Siemens Studio)

Dopo aver visto nel precedente articolo i passi mossi nei primi cinquant’anni del secolo scorso nella definizione di una tecnologia in grado di memorizzare e riprodurre sequenze di informazioni musicali gettando di fatto la base per la creazione dei primi sequencer moderni, negli anni’50 Herbert Belar e Harry Olson, due tecnici ingegneri della RCA (Radio Corporation of America, attiva dal 1919 al 1986), con il prezioso supporto del compositore Vladimir Ussachevsky e dell’ingegnere elettrico Peter Mauzey e il finanziamento della Rockefeller Foundation, progettano e realizzano il sintetizzatore RCA Mark II considerato il primo di tipo programmabile. Venne istallato nel 1957 presso la Columbia University.

005 seqIl sintetizzatore RCA Mark II. Da sinistra: Milton Babbit, Peter Mauzey, Vladimir Ussachevsky. Fonte: LINK

Il sintetizzatore combinava diverse tipologie di generazione sonora con un sequencer che memorizzava le informazioni su un foglio di carta similmente a quanto abbiamo visto nel primo articolo a proposito dei player piano ma utilizzando una specie di macchina da scrivere.

006 seq

Fonte: LINK

Questa macchina così innovativa attirò ovviamente l’attenzione dei compositori più importanti dell’epoca che frequentarono i laboratori della Columbia University per realizzare le loro composizioni usufruendo della nuova tecnologia.

007 seq

Milton Babbit

07ad5a25442f499f4204ae586e15b8bd_1M.png

John Cage

Ecco un video che mostra la storia di questo sintetizzatore:

Quasi parallelamente, siamo nel 1959, in Germania viene realizzato il Siemens Studio for Electronic Music (1959-1969) all’interno del quale viene realizzato il Siemens Synthesizer. Venne sviluppato da Helmut Klein e W.Schaaf presso il Siemens Halske di Monaco.

020 seq

Anche questo sistema utilizzava dei nastri di carta per la memorizzazione delle seguenti informazioni sonore: il timbro, l’inviluppo, l’altezza e il volume, prodotte da un banco di 20 oscillatori più un white noise generator, una Hohnerola (una specie di strumento elettronico ibrido amplificato di tipo reed). Lo strumento possedeva quattro sistemi a rullo per la scrittura delle informazioni sui nastri di carta.

021 seqFonte: LINK

Schermata 07-2456841 alle 17.20.55

Diagramma che mostra la codifica punch-tape utilizzata nel Seimens Studio

Lo strumento possedeva anche una prima forma di vocoder.

023 seq

Lo studio divenne punto di riferimento europeo per i compositori più importanti e per la realizzazione di suoni per le immagini.

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Storia, Tecnologie Musicali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Storia del Sequencer (terza parte: Tra gli anni ’50 e gli anni ’60, RCA e Siemens Studio)

  1. Pingback: Storia del Sequencer (seconda parte: i primi 50 anni del XX secolo) | tecnologiamusicale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...