Kontakt: impariamo a creare patch e librerie sonore (quarta parte)

Nella terza parte abbiamo creato il primo layer relativamente all’articolazione detachè del violino inserendo i campioni nel mapping editor assegnato al gruppo detachè.

kont 54

Poiché l’articolazione è costituita da tre layer di campioni inseriamo anche i due mancanti seguendo gli stessi passi visti nell’articolo precedente. I campioni del layer MP vanno mappati tenendo conto della mappatura del layer P e del fatto che occorrerà inserire anche il layer F. In questo caso ho scelto per loro una risposta alla velocity per l’intervallo di valori che va da 51 a 95.

kont 55

Quindi una volta completata la mappatura del layer MP avremo la seguente situazione.

56 kont

In ultimo aggiungiamo anche i campioni relativi al layer F avendo scelto per loro una risposta alla velocity per l’intervallo di valori che va da 96 a 127.

kont 56

kont 57

A questo punto creiamo un keyswitch per il gruppo in modo tale da richiamare velocemente l’articolazione relativa al detachè quando ci saranno anche le altre disponibili. Per prima cosa chiudiamo il mapping editor.

kont 58

Per creare un keyswitch per il gruppo selezionato clicchiamo su Group Start Options. Compare una nuova riga che mostra la funzione Group Starts.

kont 59

La scelta di default è posizionata su always che significa che il gruppo viene sempre suonato ma cliccando sul menu compaiono le opzioni possibili.

kont 60

Se vogliamo attivare il gruppo tramite un keyswitch allora dobbiamo selezionare start on key. La riga mostra altri due riquadri e un altro menu (impostato sull’operatore and) per effettuare una scelta di tipo booleano qualora si volesse applicare per il gruppo anche un’altra forma di attivazione nella riga successiva.

kont 61

Impostiamo come keyswitch la nota C1.

kont 62

Una volta definito il keyswitch questo compare nella tastiera virtuale con il colore rosso.

kont 63

Quando avremo aggiunto le altre articolazioni, a cui avremo assegnato un keyswitch specifico, quando si premerà il tasto C1 verrà attivato il gruppo relativo all’articolazione detachè che potrà essere utilizzata sia per la registrazione nel sequencer che per essere suonata in una performance.

Quinta parte

Annunci

Informazioni su silviorelandini

sound designer, docente di tecnologie musicali, direttore iitm
Questa voce è stata pubblicata in Campionamento, Corsi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Kontakt: impariamo a creare patch e librerie sonore (quarta parte)

  1. Pingback: Kontakt: impariamo a creare patch e librerie sonore (terza parte) | tecnologiamusicale

  2. Pingback: Kontakt: impariamo a creare patch e librerie sonore (quinta parte) | tecnologiamusicale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...